Le foto citate nel romanzo


( il numero della pagina fa riferimento alla prima edizione del libro )




pag. 63

... Colpo perfetto. Ti fermi e guardi indietro. La canna è ancora fumante. Il mio occhio, in tante coniche sezioni, è dentro il mirino e in ognuna di esse cogli un uomo che non sta affatto scherzando...





pag. 64

... non sbaglierò un colpo e se Nicoletta vuole leggerezza, leggerezza avrà... dammi solo un minuto e il peso specifico del Plutonio te lo riduco a quello della gomma piuma...




pag. 67

... Salgo in camion. Dal ciglio della strada una piccola faccia mi fissa dritto negli occhi; come ipnotizzato a fatica estraggo il cellulare...




pag. 67

... Sono in camera. Guarda che gli scatti strabilianti li sto finendo, non aspettartene altri e tieniti pronta...




pag.89

... Bello come un mattino pieno di sole a settembre, quando la luce è bianca e abbagliante e il cielo e il mare sono così blu che ti viene voglia di ridere e piangere allo stesso tempo... [ scatto del settembre 2010 ]




pag. 94

... versavo lacrime che finivano dentro di me. Non piangevo per lei. Piangevo per il mio troppo e per il mio sogno, mi ubriacavo di nicotina e affogavo nel cielo...




pag. 148

... vai pure per la strada che porta a Verona, vai. Vai a nanna e beccati una buonanotte senza parole...




pag. 148

... Una buonanotte in bianco e nero...




pag. 148

... Un uomo tra due palazzi che deve decidere se seguire la freccia sopra la sua testa; una stradina di campagna bagnata dalla pioggia, la luna che si diverte a fare il lampione...




pag. 148

... C'è vita in questi scatti. C'è vita in tutte le cose che ci siamo detti, ed è nostra e solo nostra e i mali sono nostri e sono veri...




pag. 148

... Perché anch'io voglio spogliarmi completamente. Alla mia storia mancano ancora dettagli importanti e non potrei mai perdonarmi di non averteli raccontati...




pag. 189

... Quando il mondo riappare, tra il viavai dei turisti le mani si cercano e si trovano, io cerco di capire dove siamo e trovo una targa di marmo...




pag. 234

... Tra le facce, le voci e gli odori, la fame di te è tornata, è prepotente, resisterle pare impossibile e soltanto stringerti forte la mano riesce a placarmi. Tu capisci, sorridi e lasci fare...




pag. 244

... i sogni sono forti Nicoletta e i nostri hanno soltanto trecento chilometri da attraversare, per di più sulla terra ferma. Fidati, vieni con me...




pag. 246

... Avrei voglia di parlarti della nostra intimità e questo scatto mi sembra un ottimo pretesto, ma il desiderio offusca i pensieri e dimentico che è stato proprio quel mattino di settembre ad accendere gli inferni...




pag. 260

... ce ne stiamo seduti davanti a un mare, l'acqua non ribolle di pesciolini rossi ma una piccola barca a vela c'è, la vedi?... Quella barca che il 9 gennaio avevo inventato per noi ora è qui...




pag. 270

...Pochi fogli battuti con la vecchia macchina da scrivere di mia sorella, più o meno vent'anni fa, copertina e titolo appiccicato sopra...





pag. 284

... E anche se le nostre vicende non sono state proprio identiche, sono comunque partite da quel luogo invisibile che è la terra di chi vuol vivere e amare e amare se stesso per davvero...